ischia giro dell'isola in barca

Il giro di Ischia via mare

Un’esperienza su tutte da non mancare assolutamente in una visita ad Ischia è certamente il giro dell’isola in barca via mare che rappresenta una fantastica opportunità per poter ammirare le bellezze naturali dell’isola verde come baie, insenature e sculture naturali assieme alla flora e alla fauna marina.

Partendo dal porto, antico lago vulcanico convertito ad uso portuale da Federico II di Borbone nel 1854, si potranno infatti ammirare le spiagge nella parte settentrionale dell’isola, più bassa e uniforme, sia i canyon nell’alto e frastagliato versante meridionale.

Casamicciola, Lacco Ameno e Montevico

Il porto di Casamicciola sarà certamente la prima tappa, e qui potrete ammirare la piccola perla rappresentata dalla spiaggia degli Inglesi con il Parco Termale Castiglione, uno di più grandi presenti ad Ischia, che, nonostante il devastante terremoto del 1883 e quello tragico e più recente del 2017, conservano ancora la bellezza primordiale che questi luoghi hanno da sempre sprigionato.

Seconda tappa del tour marittimo non potrà che essere Lacco Ameno, luogo da cui, dopo la seconda guerra mondiale, è partito il rilancio di Ischia in veste turistica grazie al Cav. Angelo Rizzoli, mecenate che ha permesso la costruzione di innumerevoli strutture in zona come il Museo di Villa Arbusto, dove è custodita la rinomata Coppa di Nestore, e l’ospedale.

Terzo step del nostro giro in barca sarà la collina di Montevico, che troneggia sulla baia di San Montano e sul promontorio di Zaro dove, nel nostro viaggio per mare, sarà consigliato fermarsi alle spiagge di San Francesco da Paola e della Chiaia.

In questa zona sorgono bellezze naturali ineguagliabili come i Giardini La Mortella e la Colombaia che vi consigliamo senza dubbio di visitare.

Sant’Angelo e i Maronti

Dopo esser passati di fianco agli Scogli degli Innamorati e dopo aver osservato da lontano il parco termale dei Giardini Poseidon, uno dei più belli di tutto il mondo, arriveremo alla titanica Pietra della Nave, immenso agglomerato roccioso che, secondo la leggenda, non sarebbe altro che la nave con cui Ulisse, durante il suo ritorno ad Itaca, sbarcò ad Ischia. Superato questo suggestivo e magico luogo, dopo aver circumnavigato l’isolotto della Torre, si arriva alla spiaggia di Sant’Angelo, il punto più meridionale dell’isola verde dove potrete gustare il famoso pollo alle fumarole.

Passato Sant’Angelo sarà la volta dell’ultimo tratto del viaggio in barca che ci porterà direttamente alla spiaggia dei Maronti, non prima però di aver superato la Sgarrupata e Punta San Pancrazio.

La spiaggia dei Maronti è la più estesa dell’isola con i suoi tre km di lunghezza che la rendono il punto più favorevole, nonché suggestivo, per la balneazione.

Infine, a conclusione della circumnavigazione dell’isola e prima di ritornare al porto di Ischia si incontrano la Cartaromana, spiaggia di ciottoli dalla quale fonti di acqua sulfurea sgorgano dal sottosuolo, con i mitici scogli di Sant’Anna, luogo dove si tiene la festa patronale estiva più grande dell’isola, e la torre Guevara, luogo di soggiorno di Michelangelo Buonarroti.

 

Superato questo punto si scorgerà nella skyline il Castello Aragonese, superato il quale sarà visibile il porto che concluderà il tour.